Installazione di radiatori con le proprie mani: tipi di

Per riscaldare la casa o l'appartamento, è possibile fornire diversi modi, ma in questo caso siamo interessati a installare i radiatori bimetallici con le tue mani o riscaldatori simili da un altro metallo. Cercheremo di dirti non solo come appendere e fissare le batterie ai tubi, ma anche i circuiti stessi, i loro vantaggi e svantaggi, e imparerai anche alcune delle sfumature necessarie a rendere possibile operare in modo efficiente, con la massima efficienza.

Tutto ciò che imparerai qui sotto nel testo, e inoltre, puoi vedere la dimostrazione tematica del video in questo articolo.

Installazione di radiatori in alluminio con le proprie mani durante una revisione

Riscaldamento del radiatore

Per eseguire l'installazione di radiatori in acciaio con le proprie mani o analoghi di qualsiasi altro metallo, è necessaria una fonte di riscaldamento, che sono caldaie diverse.

Possono essere gas, elettrici, diesel, combustibili solidi, oltre che universali, cioè, avendo la possibilità di lavorare in diverse modalità. Inoltre, ciascuno di questi tipi di caldaie è suddiviso in sottospecie, ad esempio una caldaia a gas può essere convezione (tradizionale) o condensa (bassa temperatura).

Tipi di contorni

Schema di cablaggio singolo tubo
  • In entrambi i sistemi di riscaldamento autonomi e centralizzati, è possibile trovare un sistema di connessione a un tubo, il cui diagramma si vede nell'immagine in alto. L'essenza del lavoro qui è la seguente: il liquido di raffreddamento della caldaia viene alimentato attraverso un tubo ad anello, che è sia un circuito di flusso che un anello di ritorno. Mentre ci si avvicina, con l'aiuto di tubi più piccoli che si schiantano contro i radiatori, si scopre che l'acqua, dopo essere passata attraverso questo riscaldatore, ritorna al tubo.
Bypass connection
  • Il problema principale di un tale sistema di connessione è che il refrigerante, passando attraverso la batteria, perde la sua temperatura originale e ritorna al tubo già un po 'raffreddato. e più riscaldatori sono incorporati in un circuito, più l'acqua sarà fredda alla fine, quindi l'istruzione non consiglia di usare più di tre o quattro pezzi per ala.
  • Per compensare in qualche modo la perdita di calore, un bypass è installato davanti al radiatore tra l'alimentazione e il ritorno - una pipa che collega questo feed e ritorno, come mostrato nella foto in alto, ma fondamentalmente questa apparecchiatura non può risolvere il problema. Un sistema di riscaldamento monotubo è molto più economico di un impianto di riscaldamento a due tubi, poiché qui viene riscaldata meno acqua, quindi il consumo di energia della caldaia diminuisce.
Schema di riscaldamento a due tubi
  • Un sistema di riscaldamento a due tubi richiede il riscaldamento di una maggiore quantità di refrigerante., poiché ci sono due circuiti coinvolti - per l'alimentazione e il ritorno del liquido di raffreddamento. Ma l'installazione di radiatori in ghisa con le proprie mani o con i loro analoghi può essere realizzata praticamente senza alcuna perdita di calore, a seconda della distanza della batteria dalla caldaia.
  • Il fatto è che un tale sistema prevede la fornitura di acqua calda attraverso un unico tubo, senza restituire acqua fredda ad esso. - il liquido di raffreddamento raffreddato viene scaricato nel tubo di ritorno ("tubo di ritorno"), in modo che non si raffreddi fino all'ultimo radiatore attraverso il quale viene avvolto l'intero sistema. Lo schema a due tubi è molto affidabile e conveniente, sebbene preveda un certo spreco di materiali e il riscaldamento di acqua addizionale.
Lo schema del collegamento congiunto di radiatori e riscaldamento a pavimento
  • Ed ecco un altro schema schematico - qui puoi vedere come fare l'installazione di radiatori biometrici con le tue mani insieme con un sistema di riscaldamento a pavimento da un'unica fonte di riscaldamento. (caldaia su un determinato combustibile). Il problema di assemblare un tale circuito è che per i radiatori la temperatura del refrigerante di solito è necessaria circa il doppio rispetto a un pavimento riscaldato ad acqua, e la caldaia produce un fluido con una sola temperatura. Pertanto, in questi casi viene utilizzata una valvola termostatica a tre vie che, nel diagramma, viene posizionata sull'unità di pompaggio.
  • Si noti che il sistema qui è a due tubi e il refrigerante attraverso il tubo di alimentazione arriva con una temperatura e alle batterie e al pavimento caldo. Ma prima del contorno del pavimento, passa attraverso una valvola termostatica a tre vie e quando il pavimento raggiunge il riscaldamento richiesto, la valvola si chiude e l'acqua calda viene scaricata nel tubo di ritorno (questo è ben mostrato nel diagramma).

Pertanto, è possibile utilizzare, ad esempio, non una caldaia a bassa temperatura (condensa), ma una tradizionale (convezione) (il suo prezzo è molto più basso) nella modalità 70 ° C, ma il pavimento si riscalda fino a 30 ° C o qualsiasi altro termostato montato temperatura.

Installazione di radiatori

Staffe regolabili e non regolabili

Se la batteria è montata, e non montata a pavimento, per la sua fissazione sulla parete vengono utilizzate varie staffe regolabili e non regolabili - la precisione di installazione del riscaldatore e la sua compatibilità con i raccordi del circuito di riscaldamento dipendono dalla loro installazione.

Pertanto, prima di praticare i fori per le staffe, è necessario non solo disporre i fori su un livello rigorosamente orizzontale, ma anche tenere conto della piegatura del supporto, poiché la batteria, posizionata su di essa, cadrà un po 'più in basso (tutto dipende dalla pendenza dell'arco sul supporto).

Prima di ogni radiatore, sul tubo di mandata e di ritorno è necessario installare valvole di intercettazione (valvole a sfera o coniche) per poter, se necessario, rimuovere il dispositivo durante la stagione di riscaldamento senza scaricare acqua.

Gru Mayevsky

Avvitare il rubinetto Mayevsky in uno degli ingressi di connessione del radiatore libero superiore, come nella foto in alto, in modo da poter soffiare aria da qualsiasi batteria o sistema senza dover scaricare l'acqua (i risparmi sono evidenti).

Quando si installano le batterie su un profilo in acciaio, utilizzare il rimorchio e per un profilo in propilene con gli stessi raccordi, è preferibile utilizzare un nastro adesivo per sigillare, ma in uno e nell'altro caso utilizzare la pasta sanitaria Unipack: sigilla molto bene la connessione filettata.

Nota. Se si dispone di un sistema di riscaldamento autonomo, non utilizzare radiatori in ghisa, poiché si riscaldano a lungo e hanno bisogno di molta acqua. Tali dispositivi sono buoni per i sistemi centralizzati.

conclusione

Non dimenticare che l'installazione di un radiatore in alluminio implica sempre l'uso di additivi anticorrosione nel sistema. Di conseguenza, l'uso dell'alluminio è consigliabile solo nei sistemi autonomi, dove si riempie il liquido di raffreddamento da soli.

Aggiungi un commento