Selezione dei radiatori di riscaldamento: criteri di

Cercheremo di dirti come scegliere un radiatore. Faremo una riserva che questa sarà solo una panoramica generale, non un'indicazione specifica, poiché si tratta di una questione abbastanza individuale.

Tuttavia, tu stesso puoi determinare ciò che scegli, se sostituisci le caratteristiche delle condizioni tecniche della tua casa con determinati criteri. Inoltre, sarà una questione non solo dei materiali da cui vengono prodotti i dispositivi di riscaldamento, ma anche della loro potenza e calcolo, ma un video clip tematico consoliderà le tue conoscenze.

Installazione del radiatore

Radiatori. selezione

Nota. Quando si sceglie un radiatore per una casa o un appartamento, è necessario considerare diversi criteri. In primo luogo, è la sua pressione di esercizio e la pressione stimata nel sistema, in secondo luogo, il materiale di fabbricazione per la compatibilità con il refrigerante, in terzo luogo, il suo valore in relazione al volume della stanza e, in quarto luogo, l'aspetto estetico.

Ghisa

Ghisa

Vedete sulla foto in alto un doloroso familiare, soprattutto per la vecchia generazione, che è riuscita a vivere in URSS, una batteria in ghisa, la cui produzione non si è fermata fino ad ora, inoltre, i contorni di tali dispositivi si giustificano pienamente. Il vantaggio principale di un tale dispositivo può essere definito compatibilità con qualsiasi refrigerante, e la resistenza del ferro grigio non causa lamentele.

Negli edifici residenziali dell'era di Krusciov, ci sono ancora dei radiatori in alcuni appartamenti che sono stati installati durante la costruzione della casa! Questo può sembrare incredibile, ma questo è vero - i miei vicini non hanno riparato il riscaldamento per 52 anni (la casa è stata costruita nel 1963) e durante questo tempo le perdite erano solo sui tubi!

Naturalmente, questo non significa che la ghisa dovrebbe durare così a lungo - ci sono molti casi in cui le perdite si verificano in 10-20 anni, anche se l'istruzione di solito garantisce una vita di servizio di 30 anni. Ma tali fallimenti possono verificarsi non a causa della cattiva condizione della ghisa, ma da un assemblaggio di sezioni di scarsa qualità - di norma, il materiale stesso non si presenta.

I documenti di accompagnamento indicano la pressione di lavoro - a seconda dello spessore della parete può essere di 9-12 atmosfere, anche se il test di pressione (test) raggiunge 14-16 atmosfere, gli strumenti possono essere a canale singolo e a due canali.

La ghisa ha una caratteristica distintiva: mantiene il calore per lungo tempo, il che è molto conveniente per il riscaldamento centralizzato, ma non abbastanza adatto all'autonomia, dal momento che non è facile riscaldare una parete spessa. Inoltre, in tali sezioni c'è un consumo di acqua molto elevato, che, di nuovo, richiede risorse energetiche. Il peso di una sezione, a seconda delle dimensioni del dispositivo, può variare da 3,5 kg a 7,1 kg.

acciaio

Tipo di pannello

I radiatori a pannelli in acciaio del riscaldamento sono probabilmente il prezzo più basso di tutti i dispositivi simili, ma questo non indica affatto un guasto al design: solo il materiale e la produzione sono molto più economici.

Se parliamo di pannelli, allora possono essere uno, due o tre pezzi, ma ciascuno è costituito da due profili, che hanno canali stampati per il liquido e sono saldati insieme mediante saldatura a rullo. Tali parti sono interconnesse da connessioni, come si vede nell'immagine in alto.

A seconda del numero di pannelli del dispositivo, ulteriori elementi lo accompagnano per ottimizzare la convezione dell'aria.

Digita i numeri

Spiegazioni per la foto:

  • 10 - pannello singolo, senza convettore e rivestimento;
  • 11 - fila singola senza griglia, con convettore;
  • 20 - doppia fila, con griglia convessa ad aria, senza termoconvettore;
  • 21 - doppia fila, pinne convettive, involucro;
  • 22 - doppia fila, due pinne convettive, involucro;
  • 30 - a tre file, l'alettatura convettiva è assente, la culla in cima;
  • 33 - tre file di tre pinne convettive; coprire.

Nota. L'efficienza del trasferimento di calore di tali radiatori, che sono presentati sopra, dipende dalla capacità di convogliare più o meno aria. I tipi n. 10 e n. 11 emettono energia termica solo dal muro, quindi sono i più deboli.

A causa della economicità di tali dispositivi, delle loro dimensioni ridotte e della facilità di installazione, viene data preferenza al settore privato. La pressione di esercizio dei dispositivi sopra descritti, a seconda del produttore, varia da 8 a 10 atmosfere.

Radiatori tubolari in acciaio

I dispositivi tubolari in acciaio sono molto più costosi e più complessi nel design - sembrano molto simili ai radiatori in ghisa che sono familiari a molti, ma si riscaldano molto più velocemente, non inferiore alla pressione di esercizio - almeno 12 atmosfere e 16 atmosfere a test di pressione. Il problema principale di tali riscaldatori è il loro costo molto elevato - il dispositivo domestico costa di più del bimetallico importato.

alluminio

Radiatori in alluminio

Il principale vantaggio dell'alluminio come metallo in questo caso è l'elevato trasferimento di calore e il peso ridotto, ma non tutto è così semplice - sono fatti di leghe. Uno dei metodi di produzione è il metodo di fusione, in cui viene aggiunto il 12% di silicio - una lega chiamata silumin.

Tale dispositivo è dotato di pareti sufficientemente spesse ed è in grado di sopportare una pressione di esercizio da 6 a 16 atmosfere.

Un altro metodo è l'estrusione, cioè le parti verticali separate del dispositivo sono realizzate mediante estrusione di alluminio, ma ancora, il collettore viene colato dallo stesso silumin, sebbene in alcuni casi sia anche prodotto per estrusione. Dopodiché, tutte le parti vengono premute insieme.

Tuttavia, i radiatori di fusione e di estrusione non sono di qualità particolarmente elevata: possono scorrere nelle giunzioni e il calore da essi non viene distribuito uniformemente.

Una linea completamente diversa è costituita da batterie anodizzate, per la produzione di cui viene utilizzato alluminio purificato di altissima qualità - l'ossidazione anodica viene effettuata durante il processo di fabbricazione, che modifica la struttura del metallo, dopo di che non teme la corrosione.

I giunti sono usati per collegare le sezioni, e il loro lato anteriore è molto liscio, e la potenza termica è uniforme e alta. Inoltre, vi è una pressione di esercizio molto elevata e, a seconda della modifica, può raggiungere 50-70 atmosfere, ma il costo di tali riscaldatori è molto alto.

Nota. I dispositivi in ​​alluminio (eccetto quelli per anodi) devono essere usati solo in sistemi di riscaldamento indipendenti. Inoltre, additivi anti-corrosione devono essere aggiunti al liquido di raffreddamento.

bimetallico

Design del radiatore bimetallico

Bisogna dire subito che esiste il bimetallo e il polibimetal, che influiscono sulle caratteristiche tecniche dei radiatori. Tutti, ovviamente, capiscono che il concetto stesso implica la connessione di due metalli a livello di adesione, senza sciogliersi.

L'anima d'acciaio saldata ad alta pressione viene colata con alluminio - di conseguenza, il liquido di raffreddamento entra in contatto con l'acciaio (il pericolo di corrosione scompare) e la camicia di alluminio funge da eccellente conduttore di calore, creando, inoltre, un buon aspetto estetico.

Inoltre, il nucleo in alcuni casi può essere fatto di rame: la selezione di un radiatore per il riscaldamento per sistemi autonomi con l'aggiunta di antigelo al liquido di raffreddamento corrode l'acciaio. Questa opzione è la soluzione ottimale.

Nei radiatori polibimetallici, il nucleo è costituito da due metalli: acciaio e alluminio, dove i canali verticali sono in acciaio e orizzontale - alluminio. Questa combinazione porta ad un aumento del trasferimento di calore, ma, allo stesso tempo, gli alcali in acqua calda (specialmente nel riscaldamento centralizzato) causeranno la corrosione dell'alluminio. Inoltre, le diverse proprietà fisiche di Al e Fe quando riscaldate possono portare allo spostamento dei canali.

I riscaldatori bimetallici possono essere componibili o monolitici, ma differiscono chiaramente negli indicatori tecnici:

Tipo di radiatore tutta la vita Pressione di lavoro Potenza termica
monolitico 50 anni 100 bar 100-200Vt
sezionale 20-25 anni 20-35 bar 100-200Vt

Tabella di confronto

Tali radiatori sono adatti sia per il riscaldamento autonomo che centralizzato, ma in quest'ultimo caso (soprattutto nei grattacieli) questa è una vera panacea, dove la pressione nel sistema può talvolta raggiungere 9-12 atmosfere, e l'acqua non viene pulita lì e trasporta sono vari elementi attivi pericolosi per metalli non ferrosi.

Calcolo della potenza

Sezione prefabbricata
  • Ora vediamo come calcolare la potenza necessaria dei radiatori sopra lo spazio del pavimento, se i soffitti non superano l'altezza standard di 240-260 cm e qui per un metro quadrato secondo SNiP 2.04.05-91 * hai bisogno di 100W di energia termica. Ad esempio, prendiamo una stanza di 3,55,5 m, il che significa che avremo bisogno di 3.5 * 5.5 * 100 = 1925W o 1.925kW e dobbiamo scegliere un dispositivo di riscaldamento per questo valore.
  • Se scegli un radiatore a pannello, devi solo prestare attenzione alla sua potenza e prendere uno o due dispositivi in ​​modo che la quantità sia di almeno 2 kW (sempre arrotondata per eccesso), ma nel caso delle sezioni, devi solo calcolare la loro potenza totale. Prendiamo ad esempio il bimetallo, dove la sezione di potenza media raggiunge 170 W o 0,17 kW e calcola il numero di pezzi per la stessa area. 1,925 / 0,17? 11,35, allora avrete bisogno di 12 sezioni.
  • E come scegliere un radiatore di riscaldamento, se una stanza con soffitti alti - qui, secondo lo stesso SNiP, la norma è 41W / m3. Prendi una stanza con la stessa area, ma con soffitti di 3 m significa che la potenza richiesta sarà 3,5 * 5,5 * 3 * 41 = 2367,25 W, quindi 2367,25 / 170? 13,9, il che significa che avrai bisogno di 14 sezioni, che può essere assemblato in uno o due dispositivi.

conclusione

Se si desidera installare il riscaldamento a casa propria con le proprie mani, quando si sceglie e si calcola la potenza dei radiatori è necessario tenere sempre in considerazione la dispersione di calore che si verifica con un numero elevato di finestre, da correnti d'aria, con frequente ventilazione e così via. Pertanto, a seconda della possibilità di perdita di calore, aggiungere sempre alla potenza ricevuta 100-200 W o solo una sezione. Buona fortuna!

Aggiungi un commento